“30 lessons of wine communication for Italian Brands”

Home  /  Blog  /  Pagina Corrente
×Dettagli

VINITALY: 30 lessons of wine com­mu­ni­ca­tion for Ital­ian Brands

Lezioni su come comu­ni­care nel mer­ca­to amer­i­cano a Vini­taly 

30lessonsFront“30 lessons of wine com­mu­ni­ca­tion for Ital­ian Brands”, 30 pil­lole di saggez­za su come comu­ni­care in maniera effi­cace i vini ital­iani in Amer­i­ca. Ecco quel­lo che è emer­so.

L’America è un mer­ca­to immen­so, che offre gran­di oppor­tu­nità, ma estrema­mente selet­ti­vo e lega­to ai nomi più conosciu­ti: Pinot gri­gio, Baro­lo, Chi­anti… Per colpire l’interesse è nec­es­sario saper­si dif­feren­ziare, sapere cosa rende spe­ciale e dis­tin­ti­vo un brand, e su questo costru­ire una strate­gia.

“Siate chiari, esprimete la vos­tra iden­tità in modo sem­plice e com­pren­si­bile, pen­san­do pri­ma di tut­to a chi berrà il vostro vino. La bot­tiglia e l’etichetta offrono delle gran­di oppor­tu­nità per comu­ni­care con il con­suma­tore, con­net­ten­do­lo al vostro web­site o ai social net­work” ha spie­ga­to Damien Wil­son, diret­tore del MSc Wine Busi­ness pro­gramme.

Un buon sito Inter­net è un bigli­et­to da visi­ta fon­da­men­tale, uno stru­men­to per con­net­tere il busi­ness al mon­do sec­on­do Reka Haros, cofon­da­trice assieme al mar­i­to dell’Azienda agri­co­la Sfriso ed esper­ta del mar­ket­ing del vino. È fon­da­men­tale creare una buona rep­utazione nei con­fron­ti del con­suma­tore e per far­lo sito web, dove trovare i val­ori azien­dali, e e‑mail sono delle ottime forme di inter­azione. Dal pun­to di vista del­la pro­mozione, i brand dovreb­bero ricer­care sem­pre di più come obi­et­ti­vo la con­ver­sazione con il con­suma­tore e non la glo­ri­fi­cazione.

“Per far­lo bisogna pri­ma doc­u­men­tar­si sul­la platea di con­suma­tori, definire il tar­get e il lin­guag­gio da adottare, che deve essere sem­pre sem­plice, aut­en­ti­co, volto a sti­mo­lare la fidu­cia. Per essere cred­i­bili bisogna essere aut­en­ti­ci ed essendo aut­en­ti­ci si crea così una con­di­vi­sione di espe­rien­ze ed emozioni. Lo sto­ry­telling, ad esem­pio, è uno stru­men­to for­mi­da­bile nel con­net­tere le per­sone alle emozioni che han­no ispi­ra­to i brand, facen­do sì che si ricordi­no di essi” con­clude Reka Haros. Rebec­ca Hop­kins, vicepres­i­dente Comu­ni­cazione e Part­ner pres­so Folio Fine Wine Part­ners, spie­ga come siano fon­da­men­tali le relazioni nel mer­ca­to amer­i­cano. E per curare al meglio le relazioni le PR sono la chi­ave. A pat­to che si conosca bene la diver­si­fi­cazione nel­la platea di stam­pa amer­i­cana (wine crit­ics, wine authors, wine writ­ers, blog­gers, wine author­i­ties e per­son­al­i­ties) e che se ne com­pren­dano le dinamiche.

“Per pri­ma cosa l’attenzione che la stam­pa amer­i­cana può dedi­care ai sin­goli brand è molto lim­i­ta­ta, vista la vastis­si­ma con­cor­ren­za. Trovate la tec­ni­ca per far sì che si innamor­i­no dei vostri vini, usan­do video o foto e un lin­guag­gio con­ciso, chiaro e inter­es­sante. L’80% dei comu­ni­cati stam­pa non ven­gono let­ti, per­ché spes­so non dan­no delle reali notizie. Cer­cate e selezion­ate il tar­get adat­to a voi, leggete e tenete­vi aggior­nati su quel­lo che pub­bli­cano, com­pren­den­do il focus di ogni tes­ta­ta e date una diver­si­fi­cazione alle vostre comu­ni­cazioni cer­can­do di colpire nel seg­no” ha det­to Rebec­ca Hop­kins.

Un ulti­mo con­siglio riguar­da l’invio di cam­pi­oni, key point: risparmi­ate i vostri sol­di, invian­do cam­pi­oni solo quan­do richiesto, in relazione al focus di inter­esse del gior­nal­ista o del­la tes­ta­ta e corredan­doli con tutte le infor­mazioni sul vino (prez­zo, anna­ta, con­tat­ti).

Ha con­clu­so l’incontro la gior­nal­ista di Forbes Cathy Huyghe che ha ricorda­to l’importanza di social net­work come Youtube e Insta­gram (il visu­al piace molto al mer­ca­to amer­i­cano), in gra­do di comu­ni­care diret­ta­mente al cuore delle per­sone in maniera più emozionale. Pro­prio per­ché social media sig­nifi­ca engage­ment, e non solo dif­fu­sione.

+Gallery
+Info
+Commenti

Lascia un commento

You must be Connesso to post a comment.

Articoli Recenti