Valle Reale

Home  /  Abruzzo  /  Pagina Corrente
×Dettagli

Leonardo Pizzolo viene a Popoli da Verona per curare l’azienda familiare di allevamento di trote, in uno dei microcosmi più incontaminati della regione, dove si incontrano il Parco Nazionale del Gran Sasso e i Monti della Laga a nord, il Parco Nazionale della Majella a sud e il Parco Regionale Naturale del Sirente-Velino a nord ovest. In questa terra ricca di sorgenti naturali e di terre incontaminate, la passione per il vino trasmessagli dallo zio prende il sopravvento e si concretizza in lui l’idea di rimettere in produzione gli 11 ettari di terreno di proprietà di famiglia e produrre vini propri. Così nel 1998 comincia la sua avventura abruzzese.
Le tappe dell’azienda sono incalzanti. I vigneti di Popoli e di San Callisto vengono integrati con l’acquisizione di altri appezzamenti, quello di Sant’Eusanio, di Capestrano e la vigna del Convento fino a raggiunger gli attuali 46 ettari vitati.
I vigneti si estendono su di un altopiano a 350 m. s.l.m., e sono rivolti verso sud est a raccogliere i raggi del sole che sorgono dalla Majella e dalle Montagne del Morrone, completamente avvolti dai monti disposti ad anfiteatro intorno a loro nei comuni di Popoli, all’inizio della Valle Peligna, e Capestrano (AQ), affacciato sulla Piana di Ofena. Il microclima qui ha caratteri montani ed è caratterizzato da una forte escursione termica che incide in maniera determinante sulla coltivazione delle uve.
Come risulta evidente dalla carta geologica dell’istituto Ispra

I suoli delle vigne sono molto simili, magri e ciottolosi con sassi di medie e piccole dimensioni. Ben diverse sono, invece, le caratteristiche microclimatiche delle due vallate. I filari di Popoli sono costantemente soggetti a correnti d’aria fredda che assicurano aerazione e scarsa umidità durante la fase di maturazione delle uve, i vigneti di Capestrano affacciano sulla Piana di Ofena, nota come “il forno d’Abruzzo”, dove, durante le giornate estive si raggiungono temperature ben più elevate rispetto ai comuni limitrofi.

In questo contesto l’azienda agricola Valle Reale pratica una forma di agricoltura di montagna rispettosa del delicato equilibrio naturale che la circonda e delle tradizioni di questo lembo d’Abruzzo.
I 46 ettari totali sono certificati biologici per oltre metà della superficie, la rimanente parte è in conversione biologica. I vigneti sono suddivisi in parcelle, veri e propri cru, identificate da nomi legati alla storia di questi luoghi che grazie alle loro peculiarità pedoclimatiche disegnano i profili inconfondibili dei vini di Valle Reale.

La qualità delle uve prodotte dall’azienda, raccolte a mano, ha dato modo di sperimentare dal 2007 la fermentazione spontanea senza aggiunta di lieviti nè interventi di alcun genere. I risultati sono stati talmente soddisfacenti che oggi la maggior parte della produzione è ottenuta con fermentazioni spontanee senza aggiunta di lieviti.

I Vini più rappresentativi della cantina:

Valle Reale Montepulciano d’Abruzzo doc – montepulciano d’Abruzzo 100% – Da uve provenienti da diversi vigneti. Vendemmia e lavorazione in cantina manuale. Uve diraspate a mano, fermentazione e affinamento in acciaio.

Valle Reale Cerasuolo d’Abruzzo doc – montepulciano d’Abruzzo 100% – Da uve provenienti da diversi vigneti. Vendemmia e lavorazione in cantina manuale. Uve diraspate a mano, fermentazione e affinamento in acciaio.

Valle Reale trebbiano d’Abruzzo doc – trebbiano d’Abruzzo 100% – Da uve provenienti da diversi vigneti. Vendemmia e lavorazione in cantina manuale. Uve diraspate a mano, fermentazione e affinamento in acciaio.

Cru vigneto di Popoli Montepulciano d’Abruzzo doc – montepulciano d’Abruzzo 100% – Da uve provenienti dal vigneto di Popoli a 350 m. s.l.m. Vendemmia e lavorazione in cantina manuale. Uve diraspate a mano, fermentazione e affinamento in acciaio.

Cru vigneto di Popoli trebbiano d’Abruzzo doc – trebbiano d’Abruzzo 100% – Da uve provenienti da una parcella dii 1 ha all’interno del vigneto di Popoli a 350 m. s.l.m. Vendemmia e lavorazione in cantina manuale. Uve diraspate a mano, fermentazione spontanea e affinamento in acciaio. Vino non filtrato.

Cru Vigna di Capestrano trebbiano d’Abruzzo doc – trebbiano d’Abruzzo 100% – Da uve provenienti dal vigneto di Capestrano, nella piana di Ofena il “forno d’Abruzzo”. Vendemmia e lavorazione in cantina manuale. Uve diraspate a mano, fermentazione spontanea e affinamento in acciaio. Vino non filtrato.

Cru San Calisto Montepulciano d’Abruzzo doc – montepulciano d’Abruzzo 100% – Da uve provenienti dal vigneto di San Calisto da vecchie viti piantate nel 1960. Prodotto solo nelle annate migliori. Vendemmia e lavorazione in cantina manuale. Uve diraspate a mano, fermentazione e affinamento in acciaio.

Azienda: Valle Reale
Indirizzo: Parco Nazionale della Majella – Contrada S. Calisto – Popoli PE
Telefono: 085 9871039
e-mail: info@vallereale.it
Sito web: www.vallereale.it
Certificazioni: biologica
Proprietario: Leonardo Pizzolo
Superficie coltivata a vigneto: 46 ettari

+Gallery
+Info
+Commenti

Lascia un commento

You must be Connesso to post a comment.

Articoli Recenti