Az. Agr. Monte Dall’Ora. Visita in azienda

Home  /  Blog  /  Pagina Corrente
×Dettagli

Via Monte Dall'Ora 5 Castelrotto
37029 San Pietro in Cariano
Percorso →

Visi­ta Can­ti­na Monte Dall’Ora                 19 mar­zo 2015

La  Valpo­li­cel­la,  il ter­ri­to­rio a nord di Verona com­pre­so tra il lago di Gar­da e i mon­ti Lessi­ni, viene gen­eral­mente rap­p­re­sen­ta­to come una mano le cui dita sono dis­eg­nate  da1valpolicellai  cinque sis­te­mi  col­li­nari  che si    svilup­pano    e    si   ori­en­tano ver­so sud ver­so l’abitato di Verona.

 In  atte­sa  dell’apertura  del  49°  Vini­taly  oggi  si   visi­ta   la   can­ti­na di   Monte   Dall’Ora   di  Car­lo  Ven­turi­ni  e   Alessan­dra  Zant­edeschi.    Si oltrepas­sa  Verona,  ci  si  dirige  ver­so   il   “dito anu­lare”   del­la  mano   immag­i­nar­ia   e  si  rag­giunge    la  col­li­na    di   Castel­rot­to  in prossim­ità di San Pietro  in    Car­i­ano. Siamo  al  con­fine  sud   del­la  Valpo­li­cel­la  Clas­si­ca, all’inizio   dell’ampio   sis­tema   col­linare  che dis­eg­na   un   anfiteatro nat­u­rale di rara sug­ges­tione.

1Logo

 Il logo  ci  rac­con­ta  che ques­ta azien­da  vuole  iden­ti­fi­car­si con  la famiglia  e  le impronte    delle    mani   di   Car­lo  e  di Alessan­dra con    quelle    dei    tre   figli “sporche”   di   mosto   indi­cano   che in  azien­da  col­lab­o­ra­no  tut­ti   sec­on­do  le pro­prie pos­si­bil­ità.

1Ingresso

L’ingresso sen­za can­cel­lo e l’anziano bor­der col­lie  che  ti “aggre­disce” con 1stellala pal­la in boc­ca per        invi­tar­ti        a        gio­care       las­ciano    intuire imme­di­ata­mente  il  cli­ma  di  tran­quil­la  seren­ità che reg­na in azien­da,     ma la  sicurez­za la  da  il  sor­riso dolce, timi­do e dis­cre­to di Alessan­dra, la padrona di casa, che ci accoglie qua­si scu­san­dosi dell’assenza di  Car­lo,   suo mar­i­to,   impeg­na­to   in  vigna  che  ci  rag­giungerà tra poco.  

 

Inizia con il giro in vigna il rac­con­to appas­sion­a­to di Alessan­dra:

1Marogne

“Quan­do   io   e   Car­lo    abbi­amo    scop­er­to    Monte Dall’Ora è sta­to amore a pri­ma vista. Abbi­amo cre­ato la nos­tra azien­da e la nos­tra famiglia in questo luo­go spe­ciale,   di  grande  tradizione,    nel    cuore    del­la Valpo­li­cel­la stor­i­ca.      Figli di con­ta­di­ni, ne abbi­amo ered­i­ta­to la tena­cia per il lavoro e l’amore per la ter­ra.    La  ristrut­turazione   degli   antichi muri a   sec­co,  le “marogne”,  che  sosten­gono  il  ter­reno ter­raz­za­to,   è  sta­to  un lavoro lun­go  e  impeg­na­ti­vo,  lo  stu­dio  dei  fos­sili e delle conchiglie piet­rifi­cate trovate tra la roc­cia che affio­ra, ha rap­p­re­sen­ta­to per noi la tes­ti­mo­ni­an­za dell’evoluzione del­la ter­ra e il nos­tro ritorno alle orig­i­ni.

1terreno

 

Ci siamo trovati tra le mani ques­ta ter­ra sel­vat­i­ca, dove    anni    di abban­dono,     ave­vano   las­ci­a­to   crescere   alberi   e   rovi.       Abbi­amo cer­ca­to   di assec­on­dare la vital­ità di questo ter­reno ric­co   di humus     e micro-organ­is­mi,     impiantan­do     le vec­chie  vari­età  di uve dimen­ti­cate e colti­van­dole nel rispet­to del loro ciclo vitale.”

 

Nel­la    vigna   di   cinque   ettari  i vit­ig­ni  impiantati  sono   quel­li   tipi­ci  d1Vignaella  zona:  Corv­ina, Corvi­none, Rondinel­la, Moli­nara, Ose­le­ta. Nel­la nuo­va vigna, acquis­ta­ta da poco nel comune di San Pietro,  anche  un  po’ di Gar­gane­ga con la quale  Car­lo ha volu­to  cimen­ta­r­si  con  il bian­co “per capire cosa suc­cede”.    I ter­reni sono uni­ci per  la  loro par­ti­co­lare com­po­sizione:     cal­care per   i   pri­mi  15 metri molto mor­bido  e  poroso che per­me­tte alle radi­ci delle viti  di pen­e­trare in  pro­fon­dità  nel  sot­to­suo­lo.    Il  posizion­a­men­to delle vigne è   tale  da  essere  rag­giun­to   dal­la ven­ti­lazione prove­niente dal vici­no lago di Gar­da che impedisce il for­mar­si delle muffe sulle uve in mat­u­razione. Dopo un ten­ta­ti­vo di impianto Guy­ot, Car­lo ha dovu­to, per ragioni cli­matiche, tornare alle orig­i­ni con la per­go­la veronese.

Il lavoro  in  vigna   è   cer­ti­fi­ca­to  bio­logi­co   ma   da alcu­ni  anni  è sta­ta intrapre­sa la stra­da del­l’a­gri­coltura bio­d­i­nam­i­ca con la sper­i­men­tazione di prodot­ti nat­u­rali preparati in azien­da con erbe ess­ic­cate,  fer­men­ti lat­ti­ci e mis­cele sol­fo cal­ci­che.

1cantina1

Ter­mi­na­to il giro  in  vigna si scende in can­ti­na  sca­v­a­ta     nel     cal­care      sot­to     l’abitazione  las­cian­do lun­go tut­to il  perimetro un cor­ri­doio d’aria per lo sco­lo del­l’ac­qua pio­vana. L’u­mid­ità   è   sostenu­ta    e    la      tem­per­atu­ra costante.

Bel­la can­ti­na con locali ampi e sep­a­rati per le vasche  d’acciaio,   i  tini  tron­co  coni­ci  per  le  fer­men­tazioni in leg­no e la bot­ta­ia con bot­ti di 25 hl e bar­riques. 

1cantina2E  in  fon­do  grot­ta  con  roc­cia a vista per gli invec­chi­a­men­ti “spe­ciali”

 

 

 

 

1cantina3

Alessan­dra      con­tin­ua      nel       suo     rac­con­to illus­tran­do­ci   come    l’u­va    per    il    Recioto    e  l’A­marone  deve  essere  bel­lis­si­ma,    i grap­poli  più  spar­goli  e maturi ven­gono posti con cura in pic­cole  casse da  cinque  sei  chili  che ver­ran­no col­lo­cate  in  frut­taio  per  il  lun­go appas­si­men­to inver­nale.   Ma  non  quest’anno 2014 in cui l’uva non  ave­va, sec­on­do loro, le carat­ter­is­tiche adat­te e  quin­di   non   è   sta­to prodot­to  né  Recioto  né l’A­marone.

Per  il  Valpo­li­cel­la  l’u­va  viene  rac­col­ta  in  casse  da  ven­ti chili  e  pigia­ta  in gior­na­ta.   Le fer­men­tazioni sono spon­ta­nee e orig­i­nate dai lievi­ti indi­geni che sono pre­sen­ti sulle buc­ce del­l’u­va,   la  fer­men­tazione avviene in pic­coli tini in acciaio per il Valpo­li­cel­la e in leg­no per l’A­marone.

 

Ovvi­a­mente non man­cano gli assag­gi dal­la vas­ca e/o dal­la botte ed ecco:

Gar­gane­ga 2014: Car­lo   ha   volu­to cimen­ta­r­si  col  bian­co vinif­i­can­do  alcu­ni   filari   che   si è ritrova­to nel­la nuo­va vigna di   San  Pietro.    Un vino  di  un’acidità   impor­tante  pron­to  per qual­si­asi “esper­i­men­to”.

Cam­poren­zo 2013: anco­ra “scon­troso”,  ma  già  escono tut­ti i sen­tori di frut­ta rossa che e lo carat­ter­izzer­an­no.

Amarone 2009: Qua­si pron­to per l’imbottigliamento. Grande evoluzione nel bic­chiere.

 

Ma è ora di salire in casa a degustare qualche vec­chia anna­ta. Sal­en­do1fruttaia1 si pas­sa accan­to al frut­taio,  dove  durante  i   mesi  inver­nali   ven­gono las­ci­ate ad ‘appas­sire le uve des­ti­nate a pro­durre l’A­marone e Recioto.    

 

                                1fruttaia2   

 

 

Ci sono    delle   gran­di    finestre   che   per­me­t­tono   all’aria    di   cir­co­lare    lib­era­mente,     non   usi­amo nes­suna forzatu­ra per accel­er­are  l’ap­pas­si­men­to e las­ci­amo le  uve  esposte  ai  nat­u­rali  cam­bi­a­men­ti cli­mati­ci  pro­pri  di ques­ta sta­gione. In questo modo l’u­va arri­va a calare cir­ca    del  40%   a sec­on­da  del­l’an­na­ta  in  maniera  lenta  e  grad­uale, trasfor­man­dosi e con­cen­tran­dosi, fino al momen­to del­la pigiatu­ra.   Quest’anno, come det­to, è rimas­to inuti­liz­za­to.   

 

Bel­la  la  “sala degus­tazioni”  un  bel  fine­strone si affac­cia  sul­la  pro­pri­età  evi­den­zian­do un panora­ma esplica­ti­vo del­la bel­la espo­sizione, del­la cura dei ter­raz­za­men­ti e, più in gen­erale, dell’attenzione ded­i­ca­ta alla vigna.

 1alberotempo

Sul­la parete di fon­do dom­i­na l’albero del tem­po,   il con­trib­u­to tan­gi­bile delle forze gio­vani dell’azienda.

 

 

Nel frat­tem­po arri­va Car­lo,  Alessan­dra, final­mente, si rilas­sa e inizia ad illus­trare i vini dell’azienda, ma più cor­ret­ta­mente direi del­la famiglia, non pri­ma di aver prepara­to un otti­mo spunti­no a base di salu­mi e for­mag­gi.

 Tut­ti i vini sono prodot­ti con fer­men­tazione spon­tanea,  lievi­ti indi­geni e par­ti­co­lare cura nel­la scelta delle uve che con­sente di tenere il liv­el­lo di sol­forosa totale ben al di sot­to dei 60 mg/l .

Valpo­li­cel­la Saseti 2011. Il vino base solo acciaio, sem­plice di facile beva, da ber1sasetie a tut­to pas­to, con una bel­la fres­chez­za e sapid­ità.

1camporenzo

 

 

Valpo­li­cel­la supe­ri­ore Cam­poren­zo 2011. Le uve rac­colte nel vigne­to Cam­poren­zo fer­men­tano per   10/12   giorni   e   il   vino fa affi­na­men­to per 4 mesi  in  leg­no  di pic­co­la capac­ità  di   secondo/terzo   pas­sag­gio.    La  nota eterea iniziale cede subito ad una leg­gera speziatu­ra.  

1saustò

Ripas­so Saustò 2011          Uve prove­ni­en­ti dal vigne­to di Castel­rot­to. Ottenu­to con la tradizionale   tec­ni­ca   del Ripas­so,   che   prevede   la    rifer­men­tazione     del     Valpo­li­cel­la    clas­si­co     sulle    vinac­ce del Recioto/Amarone per cir­ca 10gg.   Bel   col­ore  rubi­no nel bic­chiere è subito evi­dente l’alta gradazione alcol­i­ca. Leg­gero sen­tore di ciliegia sot­to spir­i­to. Pala­to all’al­tez­za del­l’ol­fat­to.  Molto per­sis­tente. 

1amarone

Amarone clas­si­co 2008 Uve  dal vigne­to di Castel­rot­to. Appas­si­men­to nat­u­rale, in frut­taio, per cir­ca 4/5 mesi. Vinifi­cazione in gen­naio con mac­er­azione a fred­do per 10 giorni a cui segue una lenta fer­men­tazione spon­tanea in tini di rovere da 10hl per cir­ca 30gg       Affi­na­men­to   in botte grande di rovere   di   slavo­nia   da  25 Hl  per  48 mesi  e in bot­tiglia per 12 mesi. Pro­fu­mi di amare­na sot­to spir­i­to, in boc­ca leg­gera astrin­gen­za e pala­to molto lun­go.

1stropa

 

 Amarone Stropa 2007   Uve prove­ni­en­ti dal vigne­to Castel­rot­to. Le viti vec­chie di  50  anni ven­gono anco­ra colti­vate col sis­tema del­la “vite mar­i­ta­ta”,  cioè  filari  di  viti  inter­rotte  da alberi al alto fus­to (gel­si, man­dor­li) che li sosten­gono. La legatu­ra dei tral­ci e fat­ta anco­ra,   come  da   tradizione,    con    il pol­lone del  sal­ice (stropa)   molto   più   resistente   e   flessibile con­tro  i  for­ti ven­ti inver­nali che per­cor­rono ques­ta col­li­na.    Al  naso  ricor­da  l’uva appas­si­ta, con sen­tori di ciliegia. In boc­ca è avvol­gente, den­so e com­p­lesso, di lunghissi­ma per­sis­ten­za.

 

Con  la  promes­sa  che  domani  in  fiera porter­an­no un 2001. Promes­sa man­tenu­ta e apprez­za­tis­si­ma.

1reciotoRecioto Sant’Ulderico 2010 Uve prove­ni­en­ti dal vigne­to Castel­rot­to, con  impianto a  per­go­la  veronese,  rac­col­ta nel­la pri­ma decade di Otto­bre, la selezione dei migliori grap­poli ven­gono   posti in frut­taio  ad appas­sire in modo nat­u­rale per cir­ca 4 mesi. Criomac­er­azione e fer­men­tazione   spon­tanea   con  con­trol­lo  del­la  tem­per­atu­ra per cir­ca 25/30gg.  del­la mas­sa.  Affi­na­men­to  in  pic­cole bot­ti di rovere francese per  12  mesi ed  in  bot­tiglia per 12 mesi.  Al naso mora, marmel­la­ta,  al pala­to  una  chiusura  e  lunghez­za com­p­lessa che non lo rende  per  niente stuc­chev­ole. Attra­ver­so il tan­ni­no ed una buona sapid­ità las­cia una bel­la boc­ca asciut­ta.

 Gran bel­la gior­na­ta trascor­sa con per­sone stu­pende e vig­naioli esem­plari. Gra­zie di cuore!

+Gallery
+Correlati
+Info
+Commenti

Lascia un commento

You must be Connesso to post a comment.

Articoli Recenti