Vini Vulcanici

Home  /  Vini Vulcanici


Il suolo vulcanico è uno dei più particolari per la produzione di vino, essendo caratterizzato dalla presenza di minerali non ancora consumati da metabolismi biologici, maggiormente concentrati e in grado di conferire alla vite tante sostanze importanti per lo sviluppo dell’acino. Altro punto a favore del suolo vulcanico è la grande eterogeneità di minerali – nessuno prevale sull’altro – che vanno dal fosforo, potassio, zolfo, calcio, sodio, magnesio sino ai microelementi quali ferro, manganese, rame, zinco, molibdeno. Inoltre terreno vulcanico vuol dire anche sabbioso, originatosi dalle eruzioni, con ceneri molto fini, a elevata permeabilità. Proprio dalle sabbie da eruzione, ben diverse da quelle presenti sul letto di un fiume, si creano le condizioni per ottenere bianchi complessi e sapidi, difficilmente ottenibili in altre zone grazie alla ricchezza di fosforo, magnesio e potassio che donano soprattutto mineralità e acidità. Inoltre in molte delle aree di questo tipo (Campi Flegrei, Pantelleria, Salina, Vulcano e alcune isole Canarie) le viti sono ancora a piede franco, non intaccate dalla fillossera. Questo tipo di viti non innestate hanno in sè un valore aggiunto perché la pianta è più longeva e robusta, e resiste a siccità, calcare e salinità. Caratteristiche queste, che fanno dei vini nati da suoli vulcanici prodotti dalle caratteristiche uniche, di gran pregio e con un’identità forte che è importante portare alla luce.

Articoli Recenti