Vitigno Cabernet Franc

Home  /  Vitigno  /  Vitigno Cabernet Franc


Il cabernet franc, è un vitigno di origine bordolese e più precisamente della zona della Gironda, probabilmente derivato dalla varietà Vitis Biturica.
Contrariamente al cugino cabernet sauvignon, non è molto diffuso nel mondo, anche se si sta affermando in Paesi come la California, l’Argentina, l’Australia e la Nuova Zelanda. A differenza del cugino, il cabernet franc non si adatta bene dappertutto, prediligendo il freddo e patendo i climi caldi. Ha però una buona resistenza alle malattie.
Gli acini sono di diversa grandezza per la difficoltà di impollinazione, mentre la buccia è di colore blu-nero e molto pruinosa.
Generalmente da un vino meno colorato e meno tannico rispetto al cabernet sauvignon, e ha una longevità inferiore. Come il cugino esprime i tipici profumi vegetali, di ortica e peperone.
E’ spesso confuso con il carmenere, ma si tratta di due vitigni differenti, come è stato evinto dal professor Scienza nella zona della Franciacorta (fugando i dubbi di Maurizio Zanella, che non otteneva i risultati desiderati da quelle che lui riteneva essere piante di cabernet franc) e anche in Cile, dove il carmenere è un po’ il vitigno nazionale.
In Francia si è imposto con successo in Loira e nel Libournais, soprattutto nelle zone di Saint Emilion e Pomerol.
In Italia si trova prevalentemente in Lombardia, in Friuli-Venezia Giulia e in Trentino.
E’ presente in Spagna (e forse proviene proprio dai Paesi Baschi ) e nella zona orientale dell’Europa. E’ il vitigno a bacca rossa più a nord in assoluto coltivato in Europa.
Nella zona deIla Loira, detta il giardino di Francia, ci sono 600 chilometri di vigneti, con una vasta differenziazione di varietà, di vini e di terreni. Il cabernet franc viene coltivato specialmente nella parte centrale, più precisamente nelle AOC Chinon, Anjou, Saumur, Saumur-Champigny, Bourgueil e Saint Nicolas de Bourgueil.
Nel bordolese le zone più vocate sono Saint Emilion e Pomerol, dove il terreno è tale che le radici della piante scendano almeno di sei metri in profondità per cercare sostanze nutritive.

Articoli Recenti