Vitigno Moscato di Baselice

Home  /  Vitigno  /  Vitigno Moscato di Baselice

E’ una varietà di Moscato Bianco. Nel 2000 è stato avviato un progetto di recupero e valorizzazione del Moscato di Baselice. Baselice è un piccolo comune situato nell’alto Sannio (esattamente al centro della dorsale appenninica campana) su cui è rinvenibile una zona ad alta vocazione vitivinicola per condizioni climatiche, microclimatiche e del terreno. In particolare questa zona è situata sulle colline attraversate dal fondovalle del fiume Fortore e dal punto di vista geologico fu oggetto di un fenomeno di orogenesi e dunque di una emersione di terre marine. Ciò ha dato vita, nel paese di Baselice, ad un museo paleontologico che raccoglie le tipologie di fossili rinvenibili sul terreno. Il terreno, ricchissimo in sali minerali, si presenta dunque composto prevalentemente di arenaria, con una buona presenza di scheletro e in parte di argilla e limo. Il moscato di Baselice era un antico vitigno rinvenibile addirittura già al tempo dei romani e che purtroppo è ormai estinto a seguito del fenomeno di abbandono del territorio e delle tradizioni e dunque delle varietà viticole marginali. Nel 1998 sono stati selezionati i tralci migliori nei vigneti a conduzione familiare dei contadini di Baselice che ancora conservavano alcune piante. Con l’aiuto di una importante azienda vivaistica il materiale genetico è stato poi selezionato, riprodotto ed in seguito reimpiantato. Si tratta in ogni caso di una varietà di moscato bianco che ovviamente ha sviluppato una sua sottotipologia nell’adattarsi al contesto territoriale appenninico. Con il vitigno Moscato di Baselice vengono prodotte due tipologie di vino, uno nella versione secca ed una passito.

Articoli Recenti