Vitigno Trebbiano Giallo

Home  /  Vitigno  /  Vitigno Trebbiano Giallo

Il vit­ig­no Treb­biano Gial­lo, come molti altri vit­ig­ni del­la famiglia dei Treb­biani, cioè l’area mediter­ranea del­l’I­talia cen­trale. L’agget­ti­vo gial­lo è sicu­ra­mente dovu­to al col­ore delle sue bac­che, anche se uno dei suoi sinon­i­mi, Ros­set­to, potrebbe ricon­dur­si alle chi­azze mar­roni che gli aci­ni assumono con la mat­u­razione. I vit­ig­ni del­la famiglia dei Treb­biani sono noti in Italia fin dal­l’e­poca romana. Il loro nome deri­va da “Tre­bu­la”, ossia fat­to­ria (Plinio il vec­chio descrive un “Vinum Tre­bu­lanum”, che sec­on­do ques­ta inter­pre­tazione, starebbe per “vino di paese”, o “vino casarec­cio”). Dis­tinguere i vari cloni, che por­tano un nome che spes­so indi­ca la loro pre­ve­nien­za o l’areale di mag­gior dif­fu­sione, non è sem­pre così facile. Già l’Acer­bi, all’inizio dell’800, iden­ti­fi­ca­va il Treb­biano gial­lo come colti­va­to nel­la zona dei Castel­li Romani. Oggi questo vit­ig­no rien­tra nel­l’u­vag­gio di molti vini del­l’I­talia cen­tro-set­ten­tri­onale, soprat­tuto in Lazio e in Lom­bar­dia.

Articoli Recenti