Vitigno Moscato Bianco di Canelli

Home  /  Vitigno  /  Vitigno Moscato Bianco di Canelli


Il Moscato Bianco di Canelli è di gran lunga il vitigno a frutto bianco più intensamente coltivato in Piemonte, e uno dei principali in molti comuni delle province di Cuneo, Asti e Alessandria. È presente, anche se sporadicamente, in molte altre zone viticole piemontesi, comprese le aree montane e pedemontane. Nel resto d’Italia è conosciuto e utilizzato per la produzione di vini aromatici (Valle d’Aosta, Oltrepò Pavese, Colli Euganei, Toscana, Puglia, Sicilia, Sardegna). La sua coltura, al di fuori del nostro Paese, è diffusa in tutto il mondo vitivinicolo.Il grappolo è di media grandezza, cilindrico, un po’ allungato, alato, mediamente compatto o compatto (spargolo quando si verificano fenomeni di colatura talora in conseguenza di malattie da virus e altri simili agenti patogeni). L’acino è di media grandezza, sferoidale o leggermente appiattito. La buccia è sottile, non molto pruinosa, di colore giallo verdastro, che diviene giallo dorato o ambrato quando esposta al sole;
La maturazione dell’uva è precoce; avviene di solito nella seconda decade di settembre.
Con le uve di Moscato bianco si producono vini speciali dolci e intensamente aromatici, frizzanti o più spesso spumanti; a seguito dell’appassimento delle uve se ne ottengono anche passiti di eccellente qualità; sono poi rari, ma non meno interessanti, i vini secchi e aromatici da consumare come aperitivi.

Articoli Recenti