CONSORZIO TUTELA VINO LESSINI DURELLO

Home  /  Azienda  /  Pagina Corrente
×Dettagli

 

Calice_Durello

Il Con­sorzio Tutela Vino Lessi­ni Durel­lo, nasce nel 2000, con la volon­tà di vig­i­lare sul­la qual­ità del Lessi­ni Durel­lo Doc. Prodot­to dal vit­ig­no autoctono Durel­la, il Lessi­ni Durel­lo Doc si è guadag­na­to un pos­to di pres­ti­gio nel gotha del­la spuman­tis­ti­ca vene­ta. Un vino che prevede due diverse tipolo­gie: il meto­do Char­mat e il meto­do clas­si­co,  più frut­ta­to e fra­grante il pri­mo, più strut­tura­to, pas­toso e com­p­lesso il sec­on­do, ma entram­bi carat­ter­iz­za­ti da quel­la viva acid­ità e da quel­la per­sis­ten­za olfat­ti­va che li ren­dono par­ti­co­lar­mente dut­tili e apprez­za­ti sia come aper­i­ti­vo sia per accom­pa­gnare il pas­to.

Il Lessi­ni Durel­lo doc è uno spumante che rac­chi­ude nel cal­ice tutte le carat­ter­is­tiche del ter­roir di orig­ine, coin­ci­dente con i rilievi vul­cani­ci dei mon­ti Lessi­ni, e tutte le pecu­liar­ità di un’uva bian­ca – la Durel­la – forte­mente acidu­la e con una buc­cia ric­ca di tan­ni­ni. A rib­adire il forte legame tra uva, vino e ter­ri­to­rio di pro­duzione, c’è l’antica sto­ria del vit­ig­no Durel­la, autoctono e noto da queste par­ti fin dal Medio­e­vo, quan­do com­pare, con il nome Durase­na, negli Statu­ti del­la comu­nità di Cos­toz­za del 1290. Più di sette sec­oli di tradizione, dunque, evi­den­ziano la forte vocazione vini­co­la di quest’area col­linare che nei doc­u­men­ti stori­ci rel­a­tivi all’agricoltura viene spes­so cita­ta cometer­ra cum vineis. Nel XVIII sec­o­lo la Durel­la è già ampia­mente dif­fusa nel Vicenti­no e sul ver­sante ori­en­tale del ter­ri­to­rio veronese, anche se le tec­niche di viti­coltura e vinifi­cazione appaiono anco­ra a un liv­el­lo base. Col tem­po i pro­dut­tori han­no affi­na­to meto­di di colti­vazione e di spuman­tiz­zazione sem­pre migliori, in gra­do di val­oriz­zare al mas­si­mo le poten­zial­ità del ter­ri­to­rio e del­la Durel­la. Il cres­cente suc­ces­so del vino ha por­ta­to alla creazione del­la doc Lessi­ni e Durel­lo, nata nel 1988, e alla suc­ces­si­va scor­po­razione del Lessi­ni Durel­lo come doc autono­ma, riconosci­u­ta nel 2011.

Zona di produzione

L’area di ques­ta denom­i­nazione si estende sui mon­ti Lessi­ni ori­en­tali per una super­fi­cie di oltre 30mila ettari, a cav­al­lo tra le province di Verona e Vicen­za. La zona com­prende i comu­ni di Veste­nano­va e San Gio­van­ni Ilar­i­one e parte del ter­ri­to­rio dei comu­ni di Mon­tec­chia di Crosara, Ron­cà, Caz­zano di Tramigna, Treg­na­go, Badia e Calave­na, in provin­cia di Verona; per la provin­cia  di Vicen­za i comu­ni inter­es­sati sono Arzig­nano, Castel­gomber­to, Chi­ampo, Brogliano, Gam­bugliano, Trissi­no e in parte Corne­do, Costabis­sara, Gam­bel­lara, Iso­la Vicenti­na, Malo, Mara­no Vicenti­no, Monte di Malo, Mon­te­bel­lo Vicenti­no, Mon­tec­chio Mag­giore, Mon­tor­so Vicenti­no, Nog­a­role Vicenti­no, San Vito di Leguz­zano, Schio e Zer­meghe­do.

Vitigni e caratteristiche organolettiche

Questo spumante si rica­va per almeno l’85% dall’uva Durel­la, con even­tuale aggiun­ta, fino a un mas­si­mo del 15%, dei vit­ig­ni Gar­gane­ga, Pinot Bian­co, Chardon­nay e Pinot Nero. Il Lessi­ni Durel­lo può essere prodot­to per fer­men­tazione nat­u­rale a mez­zo auto­clave – meto­do Char­mat – o ricor­ren­do alla rifer­men­tazione in bot­tiglia sec­on­do il meto­do clas­si­co – con per­ma­nen­za del vino sui lievi­ti per almeno 36 mesi – e può essere com­mer­cial­iz­za­to nelle tipolo­gie extra brut, brut, extra dry, dry e demisec. Il Lessi­ni Durel­lo doc Spumante meto­do Char­mat, ide­ale per chi cer­ca mor­bidez­za e fres­chez­za aro­mat­i­ca, ha una spuma fine e per­sis­tente, un col­ore gial­lo paglieri­no con tenui rif­lessi ver­dog­no­li e un pro­fu­mo del­i­ca­to, carat­ter­is­ti­co e lieve­mente frut­ta­to, con pro­fu­mi di mela renet­ta e agru­mi gial­li. Il Lessi­ni Durel­lo doc Spumante Ris­er­va – ossia il meto­do clas­si­co – ha una spuma fine e per­sis­tente, un col­ore gial­lo paglieri­no più o meno cari­co e un odore carat­ter­is­ti­co con del­i­cati pro­fu­mi di lievi­to e cros­ta di pane. Le gradazioni alcol­iche min­ime pre­viste dal dis­ci­pli­nare sono pari rispet­ti­va­mente all’11% e al 12%.

Accostamenti a tavola

Adora­bile spumante da aper­i­ti­vo, il Lessi­ni Durel­lo doc si pres­ta ad accom­pa­gnare anche tut­to il pas­to, a com­in­cia­re dagli antipasti: sia che si trat­ti di fin­ger food o stuzzicherie da buf­fet come ver­dure in pastel­la, olive ascolane, tar­tine e sfogli­a­tine, sia che lo si accosti a un gen­eroso tagliere di salu­mi e for­mag­gi, fra i quali non pos­sono man­care la Sop­pres­sa Vicenti­na, l’Asiago, il Piave fres­co e la Casatel­la tre­vi­giana. Fra i pri­mi predilige i piat­ti a base di pesce – anguille, crosta­cei, aragoste, asti­ci e scampi –, ma si tro­va per­fet­ta­mente a suo agio con ravi­o­li, minestre di ver­dure, cre­spelle rip­i­ene e risot­ti, specie quel­lo al radic­chio di Verona man­te­ca­to al Mon­teveronese. Fra isec­on­di esprime una grande ver­sa­til­ità: da un buon piat­to di uova e aspara­gi al tradizionale bac­calà alla Vicenti­na, dalle lumache in umi­do alle ver­dure, dalle carni bianche alle sem­pli­ci frit­tate; il meto­do clas­si­co, inoltre, si può abbina­re a preparazioni più sapor­ite come arrosti, cotechi­no e trip­pa in umi­do. Si serve fres­co, a una tem­per­atu­ra com­pre­sa fra i 6° e gli 8° C, in cali­ci tipo flûte.

Curiosità

Il nome Durel­la sem­bra derivi da Durase­na, ter­mine con il quale il vit­ig­no era noto nel Medio­e­vo e che deriverebbe a sua vol­ta dal lati­no durus aci­nus, rifer­i­men­to esplic­i­to alle qual­ità di spes­sore e com­pat­tez­za del­la buc­cia tipiche di quest’uva. 

ALTRI VINI DAI MONTI LESSINI

La Denom­i­nazione Lessi­ni Durel­lo nasce per tute­lare speci­fi­ca­mente i nos­tri spuman­ti autoc­toni che sono il gioiel­lo del ter­ri­to­rio ed i suoi ambas­ci­a­tori nel mon­do. Le nos­tre val­li esp­ri­mono comunque altri vini che rien­tra­no in una diver­sa denom­i­nazione d’o­rig­ine: Mon­ti Lessi­ni.

Essa com­prende innanz­i­tut­to il Mon­ti Lessi­ni Durel­lo DOC: il volto tradizionale del Durel­lo, che non viene spuman­tiz­za­to, ma possiede tut­ta la grin­ta, il dinamis­mo, il carat­tere che ren­dono questo vino uni­co: strut­tura piacevol­mente acidu­la, schi­et­ta min­er­al­ità vul­cani­ca e una tra­ma tan­ni­ca che ne fan­no un bian­co di strut­tura, con ottime prospet­tive di invec­chi­a­men­to.

L’u­va Durel­la non pote­va non incon­trare poi la tradizione sec­o­lare del­l’ap­pas­si­men­to, dan­do orig­ine ad un pas­si­to non con­ven­zionale: il Mon­ti Lessi­ni Durel­lo Pas­si­to DOC. Dora­to, con inten­so bou­quet di frut­ta pas­sa e miele, dolce ed imme­di­ata­mente fres­co, vibrante e di mor­bi­da astrin­gen­za: proi­et­ta­to nel­la dimen­sione dinam­i­ca e can­giante del­la con­ver­sazione.

Sui Mon­ti Lessi­ni con l’au­toc­tona Durel­la con­vivono ovvi­a­mente anche altre cul­ti­var locali e inter­nazion­ali: Gar­gane­ga, Chardon­nay, Sauvi­gnon, Pinot Bian­co, Pinot Gri­gio e Pinot Nero, vit­ig­ni che han­no trova­to deter­mi­nate aree dove esprimere pien­amente le loro carat­ter­is­tiche vari­etali, ma con schi­et­to accen­to ter­ri­to­ri­ale.

Nel Mon­ti Lessi­ni Bian­co DOC tutte queste vari­età pos­sono rien­trare sec­on­do l’in­ter­pre­tazione del ter­roir di cias­cun pro­dut­tore, dan­do luo­go vini più fres­chi e frut­tati o invece di mag­gior strut­tura e com­p­lessità. Per questo abbi­amo las­ci­a­to in etichet­ta solo il ter­ri­to­rio: il denom­i­na­tore comune di tut­ti i vini Mon­ti Lessi­ni.

Il Mon­ti Lessi­ni Pinot Nero DOC nasce da un vit­ig­no molto dif­fer­ente dal­la Durel­la, ma per cer­ti aspet­ti anche molto sim­i­le. Il Pinot Nero infat­ti è per eccel­len­za vino dal­la per­son­al­ità non con­ven­zionale. Sarà per questo che più di un pro­dut­tore di Durel­lo se n’è innamora­to, lan­cian­dosi in ques­ta sfi­da dal pro­fu­mo pun­gente di pic­coli frut­ti di bosco.

 

 

 

Con­sorzio Tutela Vino Lessi­ni Durel­lo
Vico­lo Mat­tiel­li, 11 — 37038 SOAVE (Verona)
tel.045 7681578 — fax 045 6190306
email: consorzio@montilessini.com
P.Iva 02864630237

+Gallery
+Correlati
+Info
+Commenti

Lascia un commento

You must be Connesso to post a comment.

Articoli Recenti