L’Archetipo

Home  /  Azienda  /  Pagina Corrente
×Dettagli

Francesco Valentino Dibenedetto, agronomo e contadino dalla nascita, figlio di Carlo Dibenedetto, viticoltore da sempre, già dagli anni ’80 inizia la conversione dell’azienda di famiglia all’agricoltura biologica ma, non soddisfatto della vitalità dei propri terreni, nel 2000 passa al biodinamico secondo i dettami di Rudolf Steiner.
Dopo qualche anno di biodinamica, non ancora soddisfatto, inizia a praticare l’agricoltura sinergica fino ad eliminare, secondo il pensiero di Masanobu Fukuoka, fatto proprio da Valentino, il più grave errore che ancora si compie praticando tutti gli altri tipi di agricoltura (dalla convenzionale, alla biologica, alla biodinamica): l’aratura.
Insieme alla moglie Anna Maria e i suoi quattro figli: Carlo Nazareno, Domenico, Andrea, e Maria Clelia, costruisce l’attuale cantina, tutta in tufo, dove, grazie alle precise condizioni climatiche, è possibile valorizzare le pregiate uve di proprietà senza l’uso della chimica. Attigui alla cantina i circa 20 ettari di vigneti, a 320 mt s.l.m. ai piedi della murgia barese in terreni originatesi dall’accumulo di terra rossa residuante dei processi di carsificazione e di erosione dei dossi calcarei (conosciuti con il nome di murgia) dove vengono raccolte manualmente le uve.

Qui trovano condizioni di massima vitalità vitigni come Primitivo, Aglianico, Greco, Fiano, Susumaniello, Marchione, Maresco, adattati perfettamente alle condizioni pedo-climatiche locali, perché coltivati da migliaia di anni e per questo definiti autoctoni. Le piante vengono coltivate secondo il loro archetipo, controspalliera libera, senza assolutamente toccare (arare) il terreno a una densità per ettaro di 4545 piante (sesto d’impianto 2,20×1).
In queste condizioni, ottenendo una produzione max di 60-80ql di uva per ettaro, è più che rispettato il famoso parametro un kg di uva x mq, che una gran mole di studi indicano come base per l’ottenimento di vini pregni(corposità, sapore, profumi, gusto, etc). Altro ruolo fondamentale e giocato dall’altitudine di 320 mt s.l.m., garanzia di escursioni termiche giorno-notte, utili per un’ottimale sintesi dei polifenoli, fondamentali per una migliore conservazione dei vini. Da sottolineare la perenne coesistenza nei terreni delle vigne di una moltitudine di specie viventi (microorganismi, protozoi, alghe, licheni, funghi, lieviti, batteri, ect. in perfetta sinergia con vermi, lombrichi, aracnidi, collemboli, ect.). La raccolta delle uve avviene in periodi diversi in funzione delle maturazione delle varie qualità di uve, ma tutta i maniera rigorosamente manuale.
In cantina la fermentazione è agevolata e garantita da un pied de cuve realizzata con la raccolta di piccole masse di uva raccolte circa 10 giorni prima della massa

I Vini più rappresentativi della cantina:

Marasco brut nature – I.G.P. Salento millesimato — marasco 100% — Età del vigneto: 4 anni Prod. 70 ql/ha Vendemmia metà settembre.
Vinificazione con pigia-diraspatura e pressatura soffice e fermentazione a basse temperature (13-14°C) per circa 40 giorni. Prima dell’esaurimento totale degli zuccheri dell’uva, viene abbassata ulteriormente la temperatura (11-12°C) e travasato in autoclave, per la presa di spuma nell’arco dei successivi 2 mesi. Seguono diversi mesi in queste condizioni, con batonnage continui del proprio fecciolino nobile fino a giungere ad una stabilità naturale del vino spumante, a cui segue l’imbottigliamento. Affinamento sempre in acciaio senza mai praticare filtrazioni o aggiunta di alcun genere. Zuccheri residui: 2,5 g/l . Senza solfiti aggiunti

Moscatello selvatico dolce – I.G.P. Salento millesimato – moscatello selvatico 100% — Età del vigneto: 20 anni. Prod. 80 ql/ha Vendemmia metà settembre.
Vinificazione: pigia-diraspatura e pressatura soffice e fermentazione basse temperature (13-14°C) per circa 40 giorni. Prima dell’esaurimento totale degli zuccheri dell’uva, viene abbassata ulteriormente la temperatura (11-12°C) e travasato in autoclave, ove avviene la presa di spuma nell’arco dei successivi 2 mesi. Seguono diversi mesi in queste condizioni, con batonnage continui del proprio fecciolino nobile fino a giungere ad una stabilità naturale del vino spumante, a cui segue l’imbottigliamento. Affinamento sempre in acciaio senza mai praticare filtrazioni o aggiunta di alcun genere. Zuccheri residui: 60 g/l . Senza solfiti aggiunti

Greco bianco dry – I.G.P. Salento millesimato – greco bianco 100% — Età del vigneto: 16 anni Prod. 60 ql/ha Vendemmia: ultima decade di agosto.
Vinificazione: pigia-diraspatura e pressatura soffice e fermentazione a basse temperature (13-14°C) per circa 40 giorni. Prima dell’esaurimento totale degli zuccheri dell’uva, viene abbassata ulteriormente la temperatura (11-12°C) e travasato in autoclave, ove avviene la presa di spuma nell’arco dei successivi 2 mesi. Giunti ad un residuo zuccherino di circa 30 g/l, viene abbassata la temperatura sotto i 10°C per fermare la fermentazione. Seguono diversi mesi in queste condizioni, con batonnage continui del proprio fecciolino nobile fino a giungere ad una stabilità naturale del vino spumante, a cui segue l’imbottigliamento. Affinamento sempre in acciaio senza mai praticare filtrazioni o aggiunta di alcun genere. Zuccheri residui: 30 g/l . Senza solfiti aggiunti
Fiano demi sec – I.G.P. Salento millesimato – fiano 100% — Età del vigneto: 16 anni Prod. 80 ql/ha Vendemmia: prima decade di settembre.
Vinificazione: pigia-diraspatura e pressatura soffice e fermentazione a basse temperature (13-14°C) per circa 40 giorni. Prima dell’esaurimento totale degli zuccheri dell’uva, viene abbassata ulteriormente la temperatura (11-12°C) e travasato in autoclave, ove avviene la presa di spuma nell’arco dei successivi 2 mesi. Giunti ad un residuo zuccherino di circa 40 g/l, viene abbassata la temperatura sotto i 10°C per fermare la fermentazione. Seguono diversi mesi in queste condizioni, con batonnage continui del proprio fecciolino nobile fino a giungere ad una stabilità naturale del vino spumante, a cui segue l’imbottigliamento. Affinamento sempre in acciaio senza mai praticare filtrazioni o aggiunta di alcun genere. Zuccheri residui: 40 g/l Senza solfiti aggiunti

Litrotto rosso – montepulciano 30%, merlot 20%, cabernet sauvignon 20%, primitivo 20%, susumaniello 10%– Formato 100 cl. Età del vigneto: 22 anni Prod. 95 ql/ha Vendemmia: metà ottobre.
Vinificazione: pigia-diraspatura, dopo 20-30 giorni, a fine fermentazione, si separano gli acini ottenendo il giovane vino mediante una leggera pressatura. In questo lasso di tempo l’unica variabile tenuta sotto controllo è la temperatura che non deve mai superare i 24°C, per preservare al meglio i profumi. Affinamento in acciaio su fecce fini per 18 mesi. Nessuna chiarifica o filtrazione. Al momento dell’imbottigliamento viene aggiunta una minima dose di anidride solforosa. Gradazione Alcolica: 13,5%

Litrotto bianco – verdeca 50%, falanghina 20%, marchione 20%, fiano 10%– Formato 100 cl. Età vigneto: 22 anni Prod. 80 ql/ha Vendemmia: fine settembre.
Vinificazione: pigia-diraspatura e fermentazione a basse temperature (13-14°C) per circa due mesi. Al termine, previo allontanamento delle fecce grossolane, il vino è mantenuto per 5-6 mesi sul proprio fecciolino nobile, agitato ogni 15 giorni. Affinamento in acciaio. Nessuna chiarifica o filtrazione. Al momento dell’imbottigliamento viene aggiunta una minima dose di anidride solforosa. Gradazione Alcolica 12,5%.

Verdeca Sette Lune – verdeca 100% – Età del vigneto: 22 anni Prod. 90 ql/ha Vendemmia: fine settembre.
Vinificazione: pigia-diraspatura e fermentazione per 7 lune (circa sette mesi) di macerazione in ambiente riducente, ovvero in presenza della stessa anidride carbonica derivante dalla lenta fermentazione alcolica e malolattica. A fine fermentazione le vinacce vengono allontanate mediante pressatura soffice.
Il vino viene mantenuto per i successivi 2 anni sul proprio fecciolino nobile e agitato ogni 15 giorni. Affinamento sempre in acciaio senza mai praticare filtrazioni o aggiunte di alcun genere. Al momento dell’imbottigliamento viene aggiunta una minima dose di anidride solforosa. Gradazione Alcolica: 11,5%

Greco bianco – I.G.P. Salento – greco 100% – Età del vigneto: 17 anni Prod. 90 ql/ha Vendemmia: seconda decade di settembre. Vinificazione: pigia-diraspatura e macerazione di 6-7 giorni di macerazione con le vinacce, dopo di che la fermentazione continua per circa 2 mesi a basse temperature (13-14°C).
Il vino viene mantenuto per 5-6 mesi sul proprio fecciolino nobile e agitato ogni 15 giorni. Affinamento sempre in acciaio senza mai praticare filtrazioni o aggiunte di alcun genere. Senza solfiti aggiunti. Gradazione alcolica 12,5%.
Fiano – I.G.P. Salento – fiano minutolo 100% – Età del vigneto: 17 anni Prod. 75 ql/ha Vendemmia: seconda decade di settembre. Vinificazione: pigia-diraspatura, e macerazione di 6-7 giorni con le vinacce, dopo di che la fermentazione continua per circa 2 mesi a basse temperature (13-14°C).
Il vino viene mantenuto per 5-6 mesi sul proprio fecciolino nobile e agitato ogni 15 giorni. Affinamento sempre in acciaio senza mai praticare filtrazioni o aggiunte di alcun genere. Senza solfiti aggiunti. Gradazione alcolica 13%.
Primitivo mistico – primitivo 100% – Età del vigneto: 20 anni Prod. 40 ql/ha Vendemmia inizio ottobre e comunque con appassimento naturale sulla pianta.
Vinificazione: pigia-diraspatura e macerazione per circa 8 mesi, a fine fermentazione alcolica e malolattica, si separa la vinaccia mediante una leggera pressatura. Tale lungo periodo di macerazione è necessario per consentire la completa trasformazione degli zuccheri per giungere ad una gradazione alcolica naturale di 16,5% vol. Affinamento in grandi botti di legno su fecce fini per 24 mesi, segue affinamento e riposo in bottiglia per almeno 8 mesi. Al momento dell’imbottigliamento viene aggiunta una minima dose di anidride solforosa. Gradazione Alcolica: 16,5%
Niuru Maru – negramaro 100% – Età del vigneto: 17 anni Prod. 85 ql/ha Vendemmia inizio ottobre. Vinificazione: pigia-diraspatura e macerazione per 20-30 giorni; a fine fermentazione, si separano gli acini ottenendo il giovane vino mediante una leggera pressatura. In questo lasso di tempo l’unica variabile tenuta sotto controllo è la temperatura che non deve mai superare i 24°C, per preservare al meglio i profumi; affinamento in acciaio su fecce fini per 6 mesi, leggero passaggio di 2/3 mesi in grandi botti di legno e riposo in bottiglia per altri 3 mesi, Nessuna chiarifica o filtrazione. Gradazione Alcolica: 13%

Primitivo – primitivo 100% – Età del vigneto: 16 anni Prod. 60 ql/ha Vendemmia prima settimana di settembre.
Vinificazione: pigia-diraspatura meccanica e macerazione per 20 – 30 giorni; a fine fermentazione, si separano gli acini mediante una leggere pressatura. In questo lasso di tempo l’unico parametro tenuto sotto controllo è la temperatura che non deve mai superare i 26°C, per preservare al meglio i profumi; affinamento in grandi botti di legno su fecce fini per 12 mesi, segue affinamento in acciaio per altri 12 mesi e riposo in bottiglia per almeno 6 mesi. Al momento dell’imbottigliamento viene aggiunta una minima dose di anidride solforosa. Nessuna chiarifica o filtrazione. Gradazione Alcolica: 14%

Primitivo Aglianico – primitivo 50% aglianico 50% – Età del vigneto: 15-18 anni Prod. 60 ql/ha Vendemmia ultima settimana di Ottobre per l’Aglianico e prima settimana di Settembre per il Primitivo. La fermentazione alcolica delle due uve avviene separatamente previa pigia-diraspatura meccanica. Dopo 20 – 30 giorni, a fine fermentazione, si separano gli acini mediante una leggere pressatura e si uniscono i mosti, per garantire che la fermentazione malolattica conferisca al vino un connubio ottimale . Affinamento in grandi botti di legno su fecce fini per 12 mesi, segue affinamento in acciaio per altri 12 mesi e riposo in bottiglia per almeno 6 mesi. Al momento dell’imbottigliamento viene aggiunta una minima dose di anidride solforosa. Nessuna chiarifica o filtrazione. Gradazione Alcolica: 13%

Primitivo – primitivo 100% Età del vigneto: 16 anni Produzione media per ettaro: 60 ql/ha Vendemmia prima settimana di Settembre. Vinificazione: previa pigia-diraspatura meccanica con macerazione di 20 – 30 giorni, a fine fermentazione, si separano gli acini ottenendo il giovane vino mediante una leggere pressatura. In questo lasso di tempo l’unico parametro tenuto sotto controllo è la temperatura che non deve mai superare i 26°C, per preservare al meglio i profumi; affinamento in grandi botti di legno su fecce fini per 12 mesi, segue affinamento in acciaio per altri 12 mesi e riposo in bottiglia per almeno 6 mesi. Al momento dell’imbottigliamento viene aggiunta una minima dose di anidride solforosa. Nessuna chiarifica o filtrazione. Gradazione Alcolica: 14%

Azienda: L’Archetipo
Indirizzo: c.da Tafuri sp21 km 7 – 74011 Castellaneta (Ta)
Telefono: 080.3114243
e-mail: info@larchetipo.it
Sito web: www.larchetipo.it
Certificazioni: biologica ICEA – Conduzione con i criteri dell’agricoltura sinergica
Proprietario: Valentino Dibenedetto
Superficie coltivata a vigneto: 20 ettari

+Gallery
+Info
+Commenti

Lascia un commento

You must be Connesso to post a comment.

Articoli Recenti