Scienza del vino. L’erbamat: ecco perché è inserito nel disciplinare del Franciacorta

Home  /  Blog  /  Pagina Corrente
×Dettagli

Un vitigno autoctono si rivela prezioso per la buona riuscita del Franciacorta, tanto da essere stato inserito nel suo disciplinare. Uno studio ha valutato le sue caratteristiche.

Dalla vendemmia 2017, a seguito della recente modifica del disciplinare del Franciacorta Docg (D.M. 14/07/2017), è stato ufficialmente introdotto il vitigno autoctono erbamat. Il comportamento vegetoproduttivo del vitigno in vari ambienti è stato oggetto di uno studio, così pure la sua attitudine alla spumantizzazione.

Il cambiamento climatico e le conseguenze sulla vite

Negli ultimi 50 anni in Italia si è assistito a un evidente cambiamento climatico, specialmente intorno al 1985, con l’inizio di una nuova fase climatica che ha influenzato le fasi fenologiche della vite, anticipandole fino a 10-20 giorni rispetto al periodo precedente. L’aumento medio annuo delle temperature, secondo uno studio del 2011, è stato di 0,08 °C.

Tra i fattori che influenzano questo cambiamento, sono da annoverare l’incremento della CO2 nell’atmosfera e quello dei gas a effetto serra, la variazione del bilancio respirativo delle piante, la trasposizione verso il periodo invernale del massimo pluviometrico e il generale aumento della radiazione solare. Elementi che, nel loro insieme, hanno contribuito a modificare in modo significativo la maturazione delle uve e la natura del mosto stesso.

Nel caso specifico, nella Franciacorta, da un progetto sullo sviluppo di un modello agrometeorologico previsionale dello chardonnay, si evidenzia un notevole anticipo della data media di vendemmia, tanto che dal 1980 ad oggi si è passati da vendemmie settembrine a raccolte effettuate anche nella prima decade di agosto.

Per  continuare a leggere l’articolo dal titolo “Scienza del vino. L’erbamat: ecco perché è inserito nel disciplinare del Franciacorta” pubblicato sul Gambero Rosso a cura di Alberto Grasso, clicca qui

+Gallery
+Info

Pubblicato: 28 settembre 2017

Autore:

Categoria: Blog, Pubblicazioni Scientifiche

Tags: , , ,

+Commenti

Lascia un commento

You must be Connesso to post a comment.

Articoli Recenti