SUMMA16

Home  /  Blog  /  Pagina Corrente
×Dettagli

Tre giorni di Sum­ma 2016, appun­ta­men­to enoico orga­niz­za­to dal­la Tenu­ta Alois Laged­er

L’at­te­so even­to con­tin­ua ad evolver­si e pro­l­un­ga la sua dura­ta. Sem­pre a sosteg­no di prog­et­ti ben­efi­ci, parte del rica­va­to del­la man­i­fes­tazione sarà devo­lu­to all’associazione uman­i­taria Casa del­la Sol­i­da­ri­età (CdS)

Copia di Documento3

Giun­ta ormai alla sua 18esima edi­zione, la man­i­fes­tazione orga­niz­za­ta dal­la famiglia Laged­er e cer­ti­fi­ca­ta Green Event, dà il ben­venu­to uffi­ciale alla ses­ta gen­er­azione Alois Clemens Laged­er, che nel 2015 è entra­to in azien­da in qual­ità di respon­s­abile dell’area ven­dite e mar­ket­ing.

Dal 9 all’11 aprile 2016 tor­na SUMMA, l’appuntamento annuale orga­niz­za­to dal­la Tenu­ta Alois Laged­er a Casòn Hirsch­prunn e Tòr Löwen­gang, Magrè (BZ), e ded­i­ca­to all’eccellenza vitivini­co­la prove­niente da tut­to il mon­do. Per la pri­ma vol­ta la ker­messe altoatesina, da sem­pre ris­er­va­ta agli oper­a­tori del set­tore, accoglierà anche pri­vati ed appas­sion­ati fino ad esauri­men­to posti, esclu­si­va­mente nel­la gior­na­ta di domeni­ca 10 aprile. La parte­ci­pazione alla man­i­fes­tazione è con­sen­ti­ta solo pre­via reg­is­trazione, iscrizione e paga­men­to online.

SUMMA16 pro­por­rà come sem­pre un pro­gram­ma di tut­to rispet­to, scan­di­to da degus­tazioni di raf­fi­nate etichette — inclusi vini cer­ti­fi­cati Deme­ter, da anni part­ner esclu­si­vo, e le nuove annate di Alois Laged­er — ver­ti­cali e sem­i­nari, gas­trono­mia di pre­gio e vis­ite gui­date del­la can­ti­na e dei vigneti.

“Sum­ma rap­p­re­sen­ta un momen­to impor­tan­tis­si­mo in cui costru­ire rap­por­ti diret­ti e per­son­ali con i nos­tri part­ner, in un’atmosfera famil­iare ed accogliente”, dichiara Alois Clemens, deciso a seguire la tradizione di famiglia e a con­ser­varne la rad­i­ca­ta filosofia, e con­tin­ua, “saran­no molte le novità, tra cui alcune degus­tazioni gui­date nelle nos­tre can­tine di vini davvero uni­ci, i cosid­det­ti ‘cometi’. Cir­ca trent’anni fa abbi­amo inizia­to a piantare nei nos­tri vigneti delle vari­età non autoc­tone, ma tipiche di regioni più merid­ion­ali, uve come per esem­pio Viog­nier, Petit Manseng, l’Assyrtico, Rous­sanne, Marsanne oppure Tan­nat. Questo ci ha per­me­s­so di osser­vare la reazione di questi vit­ig­ni piantati nelle nos­tre zone e sot­to­posti ai cam­bi­a­men­ti cli­mati­ci. Gra­zie a un affi­na­men­to sin­go­lo, ora pos­si­amo capirne lo svilup­po fino al prodot­to fini­to nel bic­chiere”. Non solo il figlio Alois Clemens copre un ruo­lo impor­tante: a capo dell’organizzazione di Sum­ma – ormai da diver­si anni – anche la pri­mo­geni­ta Anna Laged­er, pun­to di rifer­i­men­to oper­a­ti­vo e logis­ti­co dell’evento.

Da quan­do si chia­ma­va “Quin­tett” – rac­con­ta Alois Laged­er – “poiché erava­mo par­ti­ti dall’idea di invitare alla nos­tra Tenu­ta cinque vig­naioli da altret­tante zone di pro­duzione diverse”, ne ha fat­ta di stra­da SUMMA, che oggi, a dis­tan­za di qua­si vent’anni, arri­va ad ospitare ben oltre 60 pro­dut­tori d’eccellenza prove­ni­en­ti da ogni parte del mon­do: Italia, Fran­cia, Aus­tria, Ger­ma­nia, Aus­tralia e Nuo­va Zelan­da.

Gli ospi­ti di SUMMA16 — oper­a­tori del set­tore, molti affezionati al sug­ges­ti­vo palaz­zo rinasci­men­tale del XVII sec­o­lo di pro­pri­età del­la Tenu­ta, Casòn Hirsch­prunn, e per la pri­ma vol­ta il grande pub­bli­co — s’immergeranno dunque in una rasseg­na enogas­tro­nom­i­ca di pre­gio — incluse le degus­tazioni delle nuove annate di Alois Laged­er, di vis­ite gui­date del­la sua can­ti­na e dei vigneti — sem­pre a sosteg­no di prog­et­ti ben­efi­ci.

Quest’anno la Tenu­ta Alois Laged­er devolverà una parte del rica­va­to del­la man­i­fes­tazione all’associazione uman­i­taria Casa del­la Sol­i­da­ri­età (CdS), che da qua­si quindi­ci anni aiu­ta per­sone in dif­fi­coltà: anziani, bam­bi­ni e gio­vani prove­ni­en­ti da situ­azioni famil­iari dif­fi­cili, adul­ti con­dan­nati ed ex-detenu­ti, sen­za­tet­to e dis­oc­cu­pati, per­sone con prob­le­mi psichi­ci o con dipen­den­ze, cit­ta­di­ni stranieri o rifu­giati trovano nel­la CdS un aiu­to e un pos­to dove vivere.

Nel 2016 con­tin­ua inoltre la col­lab­o­razione con FAMOS for Alois Laged­er – “Ogget­ti spe­ciali da per­sone spe­ciali”: i badge d’ingresso del­la man­i­fes­tazione ver­ran­no real­iz­za­ti dalle per­sone che lavo­ra­no nei lab­o­ra­tori pro­tet­ti del­la comu­nità com­pren­so­ri­ale Oltr­a­di­ge-Bas­sa Atesina (BZ).

Ulte­ri­ori infor­mazioni su Casa del­la Sol­i­da­ri­età: www.casadellasolidarieta.org

Ulte­ri­ori infor­mazioni su Summa16: www.summa-al.eu

Ulte­ri­ori infor­mazioni su Alois Laged­er: www.aloislageder.eu

Il pro­gram­ma com­ple­to degli even­ti di Summa16 sarà disponi­bile prossi­ma­mente su: www.summa-al.eu/it/programma

Come nacque il ter­mine “SUMMA”…

(Alois Laged­er)

“Devo premet­tere che, inizial­mente, ave­va­mo bat­tez­za­to l’evento con il nome di “Vinal“, con l’intento di creare un col­lega­men­to tra Vini­taly e Alois Laged­er. In segui­to e per diver­si anni, la man­i­fes­tazione è sta­ta chia­ma­ta “Quin­tett“, poiché erava­mo par­ti­ti dall’idea di invitare alla nos­tra Tenu­ta cinque vig­naioli da altret­tante zone di pro­duzione diverse. In realtà, nelle edi­zioni suc­ces­sive, questi cinque ospi­ti iniziali sono diven­tati sem­pre di più, così com’è aumen­ta­to costan­te­mente il numero dei vis­i­ta­tori pro­fes­sion­ali e dei gior­nal­isti prove­ni­en­ti da tut­to il mon­do, a ripro­va del­la cresci­ta e del caris­ma di cui gode quest’evento…

…Nel 2004 pen­sam­mo che fos­se giun­to il momen­to di trovare un nome nuo­vo per la nos­tra man­i­fes­tazione, e come sovente accade, fu un caso for­tu­ito a sug­gerirce­lo: una sera, mia moglie Veroni­ka ed io, entram­bi appas­sion­ati di musi­ca con­tem­po­ranea, erava­mo immer­si nelle note del com­pos­i­tore estone Arvo Pärt e stava­mo rimug­i­nan­do pro­prio sul nuo­vo nome da dare all’evento. Quan­do lei, per com­bi­nazione, con­sultò la cus­to­dia del CD per leg­gere il tito­lo del bra­no che stava­mo ascoltan­do, tro­vò scrit­to “Sum­ma for Strings“. Ci guardammo negli occhi e fu chiaro ad entram­bi che ave­va­mo final­mente trova­to il nome gius­to.

Il ter­mine “SUMMA” deri­va dal lati­no e sig­nifi­ca “som­ma“ o “total­ità“. Lo si può inter­pretare in due accezioni diverse: da un lato in sen­so enci­clo­pe­di­co, ossia come qual­cosa che abbrac­cia tut­to lo sci­bile e l’esistente, ma dall’altra anche nel sen­so di coglierne e sin­te­tiz­zarne gli aspet­ti essen­ziali. Per­sonal­mente propen­do per la sec­on­da, quin­di per il sig­ni­fi­ca­to di “essen­za“, e pro­prio questo mi ha con­vin­to a scegliere quel ter­mine. Il nos­tro obi­et­ti­vo comune, infat­ti, è di far incon­trare i vig­naioli migliori pun­tan­do alla vari­età, ma anche all’essenzialità, facen­do emerg­ere in questo modo le sfac­cettature più salien­ti e le eccel­len­ze del­la pro­duzione vini­co­la euro­pea”.

+Gallery
+Info

Pubblicato: 25 Febbraio 2016

Autore:

Categoria: Blog, Eventi

+Commenti

Lascia un commento

You must be Connesso to post a comment.

Articoli Recenti