Uva & Luce UV

Home  /  Blog  /  Pagina Corrente
×Dettagli

Le radi­azioni ultra­vi­o­lette pro­teggono l’uva e miglio­ra­no il col­ore e l’aroma del vino

10417535_530045560434946_8399329543611052589_n

Una ricer­ca real­iz­za­ta pres­so l’U­ni­ver­sità di La Rio­ja, Spagna, e l’Istituto del­la Vite e del Vino (CSIC) ha mes­so in evi­den­za il ruo­lo del­la radi­azione ultra­vi­o­let­ta sul­la com­po­sizione del­l’u­va

 

I risul­tati sug­geriscono che l’e­s­po­sizione delle uve alla luce ultra­vi­o­let­ta ne aumen­tano il con­tenu­to in mol­e­cole che pro­teggono l’u­va con­tro lo stress e che sono pre­cur­sori di com­posti che miglio­ra­no la sta­bil­ità del col­ore, il sapore e la capac­ità antios­si­dante del vino.

È noto che l’e­s­po­sizione alla radi­azione ultra­vi­o­let­ta, com­po­nente prin­ci­pale del­la luce solare, provo­ca nelle piante l’accumulo di mol­e­cole pro­tet­tive, come molti com­posti feno­li­ci, che aiu­tano a fil­trare la radi­azione e a pro­teggere con­tro gli effet­ti nocivi.

Nel­la vite, le uve colti­vate ad alti­tu­di­ni ele­vate, che sono esposte a radi­azioni supe­ri­ori, di soli­to mostra­no un aumen­to del con­tenu­to di vari com­posti feno­li­ci ed in par­ti­co­lare di flavono­li. Tali com­posti sono molto apprez­za­ti per il loro con­trib­u­to alla com­po­sizione e qual­ità del vino, e sono con­siderati respon­s­abili di fenomeni impor­tan­ti come la co-pig­men­tazione, che aiu­ta ad aumentare e sta­bi­liz­zare il col­ore del vino.

In questo lavoro, i ricer­ca­tori mostra­no che, anche ad una alti­tu­dine media, abit­uale per la prat­i­ca del­la viti­coltura, se si impedisce l’ar­ri­vo del­lo spet­tro UV del­la luce solare all’uva uti­liz­zan­do fil­tri speci­fi­ci, si speg­ne l’e­spres­sione del gene in vie meta­boliche volte alla pro­duzione di mol­e­cole speci­fiche di stil­beni e flavono­li, che si accu­mu­lano per­tan­to in quan­tità minori.

Tra i com­posti, la cui sin­te­si dipende dal­la luce UV, si trovano le forme idrossi­late non-trisos­ti­tu­ite di flavono­li che prati­ca­mente non si accu­mu­lano se le uve non ricevono luce ultra­vi­o­let­ta.

I risul­tati di questo stu­dio indi­cano anche che la luce UV può aumentare il poten­ziale aro­mati­co dell’uva e dimostra­no l’esistenza di vie di rego­lazione di rispos­ta del­la vite ai rag­gi UV sim­ili a quelle che sono state indi­vid­u­ate in specie mod­el­lo.

La luce UV è quin­di un fat­tore fon­da­men­tale e nec­es­sario nel­la com­po­sizione finale dell’uva e del vino.

+Gallery
+Info

Pubblicato: 21 Agosto 2014

Autore:

Categoria: Blog, Pubblicazioni Scientifiche

+Commenti

Lascia un commento

You must be Connesso to post a comment.

Articoli Recenti