VENDEMMIA 2015

Home  /  Blog  /  Pagina Corrente
×Dettagli

VENDEMMIA 2015, NEI VIGNETI QUALITÀ E QUANTITÀ

I dati pre­vi­sion­ali del­la Fon­dazione Mach all’incontro dell’Associazione enolo­gi
 
Chardonnay
Dopo la pro­duzione lim­i­ta­ta del 2014, la vendem­mia 2015 sarà sod­dis­facente sia in ter­mi­ni quan­ti­ta­tivi sia qual­i­ta­tivi. A dir­lo sono gli esper­ti del­la Fon­dazione Mach che oggi han­no pre­so parte all’incontro pre­ven­dem­mi­ale orga­niz­za­to dal­la sezione trenti­na dell’Associazione enolo­gi.
 
All’appuntamento di questo pomerig­gio, ospi­ta­to nell’aula magna di San Michele all’Adige, introdot­to dal pres­i­dente AEI, Fabio Toscana, e dal pres­i­dente del Con­sorzio vini del Trenti­no, Alessan­dro Bertag­no­li, han­no parte­ci­pa­to numerosi oper­a­tori del set­tore. La rac­col­ta dell’uva, che inizierà questo fine set­ti­mana con le basi spumante, ha potu­to ben­e­fi­cia­re di un’annata con con­dizioni cli­matiche favorevoli, sen­za par­ti­co­lari prob­le­mi fitosan­i­tari.

Questo fine set­ti­mana si com­in­cer­an­no a rac­cogliere le uve base spumante, in net­to anticipo rispet­to all’anno scor­so. Come da tradizione, la sezione trenti­na dell’Associazione enolo­gi, in col­lab­o­razione con la Fon­dazione Mach, ha orga­niz­za­to l’incontro pre­ven­dem­mi­ale per fare il pun­to sul­la sta­gione in cor­so, con­frontan­dola con quelle pas­sate, e aggiornare gli oper­a­tori sulle nuove tec­nolo­gie eno­logiche.

“Le prospet­tive sono ottime. I rossi si avvan­tag­giano del cal­do e del­la lumi­nosità, men­tre per i bianchi, ormai in dirit­tura di vendem­mia, le ultime not­ti fres­che sono state un toc­casana”, è sta­ta la sin­te­si del pres­i­dente dell’Associazione enolo­gi, sezione trenti­na, Fabio Toscana. Il pres­i­dente del Con­sorzio vini del Trenti­no, Alessan­dro Bertag­no­li, nel­la sua relazione ha volu­to sof­fer­mar­si sul tema del­la sosteni­bil­ità. “Dob­bi­amo colti­vare in modo rispet­toso del pro­dut­tore, del con­suma­tore e dell’ambiente, pun­tan­do a trasfor­mare la provin­cia in un’isola bio­log­i­ca. In quest’ottica, sono molto com­piaci­u­to del­la direzione intrapre­sa dal­la Fon­dazione Mach”.

Dalle anal­isi degli esper­ti è emer­so che il 2015, cal­do e asciut­to, si col­lo­ca esat­ta­mente agli antipo­di rispet­to al 2014, piovoso e fred­do. Il ger­moglia­men­to quest’anno è sta­to uni­forme e pre­coce, con fior­it­u­ra antic­i­pa­ta nell’ultima decade di mag­gio. Gli uni­ci even­ti mete­o­ro­logi­ci ril­e­van­ti han­no riguarda­to la Val­la­ga­ri­na, dove le zone di Lop­pio e Mori a metà giug­no sono state dan­neg­giate dal­la gran­dine. La sic­c­ità (350 mm di piog­gia da inizio anno) è sta­ta invece com­bat­tuta con effi­ca­cia gra­zie all’irrigazione di soc­cor­so.

Sot­to il pro­fi­lo del­la dife­sa fitosan­i­taria, le infezioni da per­onospo­ra sono state poco vir­u­lente e anche l’oidio è sta­to tenu­to sot­to con­trol­lo. Allo sta­to attuale la san­ità dei grap­poli è otti­ma, anche gra­zie al meti­coloso lavoro di sfogliatu­ra e dis­ten­sione dei grap­poli effet­tua­to dagli agri­coltori tren­ti­ni. L’aspetto, sem­pre lega­to alle tem­per­a­ture ele­vate, che più pre­oc­cu­pa gli enolo­gi è la dimin­uzione del­la dotazione di aci­do mal­i­co nei vigneti più antic­i­pati. In ogni caso le pre­vi­sioni di qual­ità riman­gono ottime per i vini bianchi, in par­ti­co­lare Chardon­nay e Pinot gri­gio.

Per quan­to riguar­da la pro­duzione, è pre­vis­to un aumen­to quan­ti­ta­ti­vo del 15%. In totale nelle prossime set­ti­mane ver­ran­no rac­colti poco meno di 1,2 mil­ioni di quin­tali di uva. Se il tem­po di fine di agos­to si man­ter­rà sta­bile, si potran­no vendem­mi­are uve mature con la gius­ta con­cen­trazione zuc­che­ri­na.

+Gallery
+Correlati
+Info

Pubblicato: 23 Agosto 2015

Autore:

Categoria: Blog, Eventi, Pubblicazioni Scientifiche

Tags: ,

+Commenti

Lascia un commento

You must be Connesso to post a comment.

Articoli Recenti