Vinitaly, organic e design tra le novità dell’edizione 2019. Spazi espositivi già sold out

Home  /  Blog  /  Pagina Corrente
×Dettagli

La 53ª edi­zione del Salone Inter­nazionale dei Vini e dei Dis­til­lati è sold out, nonos­tante l’aumento del­la super­fi­cie net­ta disponi­bile, real­iz­za­to gra­zie a un nuo­vo lay­out del­la man­i­fes­tazione. Ecco in sin­te­si pro­gram­mi e novità.

Tra le novità, il nuo­vo salone Vini­taly Design e l’Organic Hall. La Vini­taly Direc­to­ry Offi­cial Cat­a­logue & Busi­ness Guide amplia lelingue (da tre a nove) a dis­po­sizione dei buy­er Verona, 16 gen­naio 2019. Organ­ic Hall e Vini­taly Design sono due delle novità di Vini­taly 2019 (7/10 aprile, wwwvinitaly.com), pen­sate per dare ulte­ri­ore impul­so al prog­et­to di una sem­pre mag­giore spe­cial­iz­zazione in chi­ave busi­ness del­la rasseg­na. Prog­et­to lan­ci­a­to in occa­sione del cinquan­tes­i­mo e che ha por­ta­to il Salone inter­nazionale dei vini e dei dis­til­lati ad accred­itare, nell’ultima edi­zione, 32 mila buy­er esteri su un totale di 128 mila pre­sen­ze da 143Paesi, ges­ten­do una grad­uale dimin­uzione del numero com­p­lessi­vo dei vis­i­ta­tori con­sumer, per i quali è sta­to poten­zi­a­to e riprog­et­ta­to al con­tem­po il fuori salone

Vini­taly and the City

Una for­mu­la che sta reg­is­tran­do il gradi­men­to delle aziende, con­fer­ma­to dal sold out degli spazi espos­i­tivi a più di tre mesi dall’inaugurazione di Vini­taly, con le ricon­ferme degli espos­i­tori pres­soché totali. Gra­zie inoltre al for­mat rin­no­va­to dei Padiglioni F e 8, è sta­to pos­si­bile accogliere nuove aziende e per­me­t­tere l’ampliamento degli stand di altre già pre­sen­ti da più edi­zioni. Nel 2018 Vini­taly ha reg­is­tra­to la pre­sen­za di4.461 espos­i­tori da 35 Pae­si, su una super­fi­cie net­ta di 95.449 metri qua­drati.

Organ­ic Hall (Area F)

Nel padiglione F è sta­to cre­ato un grande spazio, ben iden­ti­fi­ca­bile, denom­i­na­to Organ­ic Hall per accogliere Vini­taly­bio, ded­i­ca­to ai vini bio­logi­ci prodot­ti sec­on­do la nor­ma­ti­va euro­pea e pro­mosso con Feder­bio, e la col­let­ti­va di pro­dut­tori arti­gianali dell’associazione Vi.Te – Vig­naioli e Ter­ri­toriche già da sette anni col­lab­o­ra con Veron­afiere. L’incremento del­la super­fi­cie disponi­bile è final­iz­za­to ad aumentare la vis­i­bil­ità delle aziende che han­no pun­ta­to mag­gior­mente sul­la sosteni­bil­ità delle pro­duzioni e, nel caso dei vini arti­gianali, ad accrescere la con­sapev­olez­za dei buy­er rispet­to a queste pro­duzioni attra­ver­so un cal­en­dario di inizia­tive e appun­ta­men­ti che prevede con­veg­ni e speci­fiche mas­ter­class.

Vini­taly Design ed Eno­litech (Area F)

Un’importante razion­al­iz­zazione ha inter­es­sato Eno­litech, sem­pre nel padiglione F, dove tro­va spazio anche il nuo­vo salone Vini­taly Design, nel cui ambito sono pro­posti tut­ti quei prodot­ti ed acces­sori che com­ple­tano l’offerta lega­ta alla pro­mozione del vino e all’esperienza sen­so­ri­ale: dall’oggettistica per la degus­tazione e il servizio, agli arre­di per can­tine, enoteche e ris­toran­ti, sino al pack­ag­ing per­son­al­iz­za­to e da rega­lo. Ques­ta inizia­ti­va per­me­tte di man­tenere all’interno di Eno­litech uni­ca­mente le tec­nolo­gie e le attrez­za­ture per la pro­duzione, in vista del cam­bio di caden­za del­la rasseg­na che dal 2020 si svol­gerà negli anni pari in con­comi­tan­za con Fier­a­gri­co­la.

Vini­taly Design Inter­na­tion­al Pack­ag­ing Com­pe­ti­tion

Al nuo­vo salone Vini­taly Design è lega­ta un’altra novità: il renam­ing del Con­cor­so Inter­nazionale Pack­ag­ing, giun­to alla 23^ edi­zione (in pro­gram­ma il 13 marzo2019), che diven­ta Vini­taly Design Inter­na­tion­al Pack­ag­ing Com­pe­ti­tion. Un cam­bi­a­men­to sostanziale, per dare anco­ra mag­giore evi­den­za in chi­ave mar­ket­ing alla pre­sen­tazione del vino, vis­to come uno dei dri­ver che guidano i con­suma­tori nel­la scelta. Ulte­ri­ore novità del con­cor­so è l’aggiunta di due nuove cat­e­gorie traque­lle ammesse in gara: ver­mouth e altri vini aro­mati­ci e bir­ra.

Nuovi espos­i­tori nel Padiglione 8

La nuo­va ubi­cazione di Vini­taly­bio e dei pro­dut­tori arti­gianali ha reso pos­si­bile la pre­sen­za di un numero mag­giore di aziende nel­la col­let­ti­va dei vig­naioli indipen­den­ti di Fivi, incostante cresci­ta anno su anno, oltre all’entrata di nuovi impor­tan­ti espos­i­tori o l’ampliamento di super­fi­cie per incon­trare le richi­este di alcu­ni fra quel­li già pre­sen­ti.

Inter­na­tion­al Wine Hall

Por­ta a due le sale ded­i­cate alle degus­tazioni dei vini e dis­til­lati esteri, pun­to di forza del padiglione, e reg­is­tra l’ingresso di nuovi espos­i­tori dal­la Fran­cia, il rad­doppio di quel­li prove­ni­en­ti dal­la Spagna, le con­ferme totali delle pre­sen­ze del­la scor­sa edi­zione, l’ampliamento delle aree dell’Ungheria e del­la Croazia, il ritorno del Koso­vo: l’International Wine hall di Vini­taly è un’area che si dis­tingue sem­pre dip­iù per le modal­ità del­la pro­pos­ta che abbina la parte espos­i­ti­va con un cal­en­dario di work­shop e degus­tazioni, affer­man­dosi come un pun­to di pro­mozione dis­tin­ti­vo ed uni­co per le pro­duzioni estere di edi­zione in edi­zione.

Incom­ing

L’obiettivo di Vini­taly è di facil­itare l’incontro a Verona tra la doman­da e l’offerta inter­nazionale: per l’edizione 2019 gra­zie alla pro­mozione del­la rete dei del­e­gati di Veron­afiere nel mon­do e l’attività di ICE Agen­zia favorita dal coin­vol­gi­men­to di Vin­taly nel piano di pro­mozione stra­or­di­nar­ia del made in Italy sono atte­si buy­er da 50 pae­si. Con i cinque con­ti­nen­ti rap­p­re­sen­tati si con­fer­ma duplice l’attenzione del­la rasseg­na veronese sia ai mer­cati stori­ci quali Nord Amer­i­ca, Reg­no Uni­to, Ger­ma­nia o Giap­pone, solo per citarneal­cu­ni, sia ver­so nuove piazze dove il con­sumo di vino sta diven­tan­do sem­pre più una ten­den­za: Cuba,Messico e Colom­bia ad esem­pio guardan­do a ovest, Cina, Thai­lan­dia Viet­nam e Fil­ip­pine vol­gen­do lo sguar­do a est.

Cat­a­l­o­go online in nove lingue

Novità anche per Vini­taly Direc­to­ry Offi­cial Cat­a­logue & Busi­ness Guide, il cat­a­l­o­go online di Vini­taly che dopo l’italiano, l’inglese e il cinese amplia le oppor­tu­nità di con­tat­to con ibuy­er, inseren­do le lingue francese, tedesco, spag­no­lo, rus­so, giap­ponese e por­togh­ese.

Degus­tazioni

Parte inte­grante dell’offerta di Vini­taly agli oper­a­tori è il fit­to cal­en­dario di degus­tazioni, ogni anno diverse e irripetibili. Già fis­sato il pro­gram­ma di Tast­ing ex… press, il giro del mon­do tra i migliori vini del mon­do real­iz­za­to da Vini­taly in col­lab­o­razione con le più impor­tan­ti riv­iste eno­logiche inter­nazion­ali. Il giorno dell’inaugurazione tor­na come da tradizione il walk around tast­ing dei Tre Bic­chieri del Gam­bero Rosso, men­tre tra pro­mozione dei vini e social si col­lo­ca l’iniziativa Young to Young, che coni­u­ga le degus­tazioni con la verve comu­nica­ti­va dei migliori gio­vani blog­ger del vino. Una delle novità di quest’anno, saran­no le mas­ter­class ded­i­cate ai vini arti­gianali, real­iz­zate in col­lab­o­razione con l’associazione Vi.te.

Sis­tema Vini­taly

Vini­taly non è solo una fiera, ma un “sis­tema” fat­to di molte inizia­tive final­iz­zate al busi­ness inter­nazionale del vino. In par­ti­co­lare, a Verona durante il peri­o­do di Vini­taly 2019 è in cal­en­dario dal 29 mar­zo al 2 aprile un cor­so del­la Vini­taly Inter­na­tion­al Acad­e­my, diret­ta al prof. Attilio Scien­za, per la cer­ti­fi­cazione di Ambas­sador ed Expert del vino ital­iano, che han­no super­a­to quo­ta 200 nel mon­do (con l’obiettivo di arrivare a 300 entro quest’anno). A seguire, dal 3 al 5 aprile, sono in pro­gram­ma le selezioni del Five Star Wines – The Book, che prevede da ques­ta edi­zione la pos­si­bil­ità per ogni espos­i­tore di Vini­taly di parte­ci­pare gra­tuita­mente con un pro­prio cam­pi­one, e che rap­p­re­sen­ta, conl’espressione del pun­teg­gio in cen­tes­i­mi, un vero e pro­prio sis­tema di rat­ing cer­ti­fi­ca­to da Vini­taly, gra­zie alla val­u­tazione di esper­ti inter­nazion­ali per speci­fiche aree e tipolo­gie vini­cole. Dal 5 all’8 aprile è in cal­en­dario, inoltre, il fuori salone Vini­taly and the city, sot­to la direzione di Pao­lo Mas­so­brio, des­ti­na­to al seg­men­to con­sumer, con pro­gram­mi ed inizia­tive mirate alla dif­fu­sione del­la cul­tur­adel vino, del bere mod­er­a­to e con­sapev­ole. Alla vig­ilia dell’inaugurazione di Vini­taly, il 6 aprile, Opera Wine pro­pone il Grand Tast­ing dei migliori 103 vini ital­iani selezionati da Wine Spec­ta­tor per l’edizione 2019, nell’unico even­to orga­niz­za­to all’estero dall’importante riv­ista statu­nitense. In con­tem­po­ranea con Vini­taly ed Eno­litech, dal 7 al 10 aprile 2019 è in pro­gram­ma Sol&Agrifood, il Salone Inter­nazionale dell’Agroalimentare di Qual­ità, che ha quali focus speci­fi­ci l’olio extravergine di oli­va (Evoo),le birre arti­gianali e i prodot­ti ali­men­ta­ri real­iz­za­ti da pic­cole e medie aziende del com­par­to (www.solagrifood.com).

+Gallery
+Correlati
+Info

Pubblicato: 22 Febbraio 2019

Autore:

Categoria: Blog, Eventi

Tags: ,

+Commenti

Lascia un commento

You must be Connesso to post a comment.

Articoli Recenti