Viticoltura biologica. I risultati delle sperimentazioni

Home  /  Blog  /  Pagina Corrente
×Dettagli

Sper­i­men­tazioni set­tore bio. Il pun­to a San Michele e Laim­burg

Più di 200 viti­coltori oggi alla FEM per l’in­con­tro sul­la viti­coltura bio­log­i­ca. Per la frut­ta focus a Laim­burg.

11_AGO16_vitBIO

La viti­coltura bio­log­i­ca è sta­ta al cen­tro del­l’in­con­tro che si è svolto ques­ta mat­ti­na, pres­so l’aula magna del­la Fon­dazione Edmund Mach, nel­l’am­bito del­la gior­na­ta tec­ni­ca bio­log­i­ca orga­niz­za­ta in col­lab­o­razione con il Cen­tro di sper­i­men­tazione agri­co­la e fore­stale di Laim­burg. 

L’even­to ha reg­is­tra­to una mas­s­ic­cia parte­ci­pazione di viti­coltori, accor­si in più di 200 per conoscere da vici­no gli esi­ti delle sper­i­men­tazioni con­dotte dal­l’U­nità agri­coltura bio­log­i­ca del Cen­tro Trasfer­i­men­to Tec­no­logi­co nel set­tore viti­co­lo bio­logi­co.

Luisa Mat­te­di, Rober­to Zan­zot­ti, Rober­to Lucin, Gaja Boscheri han­no trat­ta­to il tema del­la dife­sa del­la vite, in par­ti­co­lare le strate­gie di lot­ta con­tro la per­onospo­ra e il con­teni­men­to di Planococ­cus ficus, la coc­ciniglia che dan­neg­gia la vite. L’in­con­tro ha pre­vis­to l’il­lus­trazione delle prove in aula magna e la visi­ta alle par­celle sper­i­men­tali.

Si è par­la­to dell’andamento del­la per­onospo­ra in Trenti­no nel 2016 e dei risul­tati dei con­fron­ti ese­gui­ti in prove par­cel­lari a S. Michele, dove sono mes­si in con­fron­to dosag­gi diver­si di rame e prodot­ti alter­na­tivi a questo met­al­lo. In par­ti­co­lare sono sta­ti tes­ta­ti due estrat­ti veg­e­tali, uno a base di equi­se­to e uno a base di oli estrat­ti da buc­ce di agru­mi. Nelle prove è sta­ta con­fer­ma­ta l’efficacia di bassi dosag­gi di rame, purché dis­tribuiti tem­pes­ti­va­mente pri­ma delle piogge infet­tan­ti, men­tre per i prodot­ti alter­na­tivi i risul­tati sono meno evi­den­ti e richiedono altre con­ferme.

I tec­ni­ci han­no par­la­to anche di per­onospo­ra nel­l’am­bito delle prove con­dotte in lab­o­ra­to­rio con infezioni arti­fi­ciali in con­dizioni con­trol­late. Spazio poi alla situ­azione fitosan­i­taria riscon­tra­ta nelle aziende bio­logiche sparse sul ter­ri­to­rio e segui­te dal servizio di con­sulen­za tec­ni­ca del­la FEM. La situ­azione fitosan­i­taria nel cam­pi­one delle aziende con­trol­la­ta appare disc­re­ta sia riguar­do il con­teni­men­to delle patolo­gie che per la qual­ità dell’uva. Come sem­pre saran­no comunque deter­mi­nan­ti le set­ti­mane imme­di­ata­mente prece­den­ti la vendem­mia per definire nel det­tagli aspet­ti qual­i­ta­tivi e quan­ti­ta­tivi delle uve.

L’ul­ti­mo inter­ven­to ha riguarda­to una patolo­gia emer­gente anche in Trenti­no, il Planococ­cus ficus, una coc­ciniglia che oltre a deter­minare dan­ni diret­ti su veg­e­tazione e grap­po­lo, cos­ti­tu­iti da imbrat­ta­men­to da mela­ta e fumag­gi­ni, crea pre­oc­cu­pazione anche come vet­tore di virosi e causa indi­ret­ta di svilup­po di tos­sine (ocratos­sine). Con­tro questo peri­coloso fitofa­go, com­par­so solo di recente nei nos­tri vigneti e che in pas­sato era dif­fu­so solo nelle regioni merid­ion­ali, i viti­coltori bio­logi­ci han­no a dis­po­sizione il lan­cio di inset­ti utili e, in prospet­ti­va, la con­fu­sione ses­suale. Il con­trol­lo di Planococ­cus viene affronta­to esclu­si­va­mente con pratiche di con­trol­lo bio­logi­co, che non inquinano il vigne­to e l’ambiente e non com­por­tano l’utilizzo di inset­ti­ci­di di sin­te­si, per­al­tro vietati in agri­coltura bio­log­i­ca.

Con­sid­er­a­to l’an­da­men­to sta­gionale criti­co, nel com­p­lesso il quadro che emerge dal mon­do dei viti­coltori bio­logi­ci appare quin­di abbas­tan­za pos­i­ti­vo, con un dis­cre­to con­trol­lo delle patolo­gie e uno sta­to delle uve pos­i­ti­vo sia per quan­tità che per qual­ità.

Nel pomerig­gio gli esper­ti del Cen­tro Laim­burg pro­por­ran­no vis­ite gui­date nei campi sper­i­men­tali a Laim­burg e spiegher­an­no i risul­tati delle sper­i­men­tazioni pluri­en­nali sul­la ges­tione del suo­lo e il dirada­men­to in frut­ti­coltura bio­log­i­ca.

11ago16_masoSanDona_proveBIO_4

Questo arti­co­lo è sta­to pub­bli­ca­to anche sul blog: you wine mag­a­zine

+Gallery
+Correlati
+Info
+Commenti

Lascia un commento

You must be Connesso to post a comment.

Articoli Recenti